LEONARDO
Liceo Statale Giarre (CT)
ERASMUS +
ERASMUS +
Esabac
Esabac
Mobilità Internazionale
Nell'Emiciclo del Parlamento Europeo Bruxelles
volontari e Ciceroni FAI
gli studenti del Leonardo volontari e Ciceroni FAI
Mostra interattiva di scienze 2017
Mostra interattiva di scienze 2017
Mostra interattiva di scienze 2017
Mostra interattiva di scienze 2017
Mostra interattiva di scienze 2017
Mostra interattiva di scienze 2017
Incontro con Giovanni Sabbatucci
gli studenti incontrano lo storico Giovanni Sabbatucci
Incontro con Giovanni Sabbatucci
il prof Sabbatucci al Museo Etneo delle Migrazioni
Manifestazione Falcone Borsellino 23 maggio 2017
Liceo LEONARDO: PRESENTE!
Progetto Educazione Finanziaria nelle scuole
Incontro con il Dott. Veneziano, rappresentante della Banca d'Italia

Sedi

Le sedi occupate dal Liceo "Leonardo” dalla sua nascita ad oggi.

Prima sede (Palazzo della cultura, Piazza Macherione) Il monumentale complesso scolastico che risale alla fine dell’ottocento è una espressione architettonica di stampo chiaramente neoclassico.

Il basamento in pietra lavica ne esalta la maestosità,
 mentre il resto del prospetto, colonne, bugnato, balaustre, paraste, timpani e cornicioni è eseguito con pietra calcarea di Siracusa che lo impreziosisce e lo rende più austero. Al piano terra, la parte centrale più sporgente rispetto alle esterne è suddivisa verticalmente da colonne bianche che sostengono un massiccio ballatoio balaustrato.

Le ali laterali sono spartite da paraste. Perfettamente simmetrico il prospetto principale è ricoperto da bugnato poco accentuato. Al centro, un portale con arco a tutto sesto, semplice ma austero, immette all’interno. Anche le finestre del piano terra, ricavate tra le colonne e le paraste, sono ad arco a tutto sesto. Al primo piano la parte centrale, che segna il profilo di quella sottostante è suddivisa da paraste binate e tra queste sono intercalate finestre timpanate. L’intera costruzione è contornata da un cornicione aggettante. La maggiore sporgenza della parte centrale, le colonne, le paraste e i pilastri angolari a bugnato vitalizzano ulteriormente l’intero complesso architettonico, geniale interpretazione del progettista, che costituisce una delle più significative opere pubbliche di fine ottocento.

 

 

 

Seconda sede (Palazzo Comes)

Il complesso architettonico semplice ma armonico ed equilibrato nell’insieme risalente alla fine delsecolo XIX. La costruzione è posta su di un basamento di pietra lavica, ad angolo di Via Callipoli con via Madonna delle Grazie da cui si accede al piano terra., le aperture sono ad arco a sesto ribassato con stipiti ed archi in pietra lavica, impreziositi da fascette in pietra bianca. Al primo piano, altrettante parti sono corrispondenti a quelle del piano terra, con stipiti ed architravi, però in pietra calcarea di Siracusa, fornite di ballatoi su mensole di pietra bianca. Al livello dei ballatoi corre una cornice marcapiano di pietra bianca, cui fa seguito un piccolo cornicione di coronamento poco aggettante. Unici elementi che rendono la costruzione di tipo eclettico sono dei lievi motivi floreali negli architravi dalla parte del primo piano, e le ringhiere dei balconi che accennano a delle leggere sinuosità tipiche dello stile liberty.

 

 

 

 

 

 

Terza sede (Palazo Caltabiano)

La costruzione, sita in Corso Italia al n.c. 75 ad angolo con Via N. Tommaseo, risale alla seconda metà dell’ottocento. Dimora patrizia che emerge con la sua mole possente sulle costruzioni adiacenti. Il prospetto principale, nel Corso Italia, al piano terra è in perfetto stile neoclassico, suddiviso verticalmente da paraste in bugnato di pietra bianca. Il portale centrale è ad arco ribassato, con ai lati due colonne di pietra bianca poste su un basamento di pietra lavica, sostengono un architrave decorato da metope e triglifi. Al primo piano il portale centrale tripartito accentua il gusto classico che in maniera semplice ma decisa pervade l’intera opera. Il prospetto in via N. Tommaseo, alquanto sobrio, eppure suddiviso in senso verticale da paraste che ne esaltano lo slancio e l’austerità. Una cornice discretamente aggettante corona l’intero edificio. La sensibilità degli architetti di questo periodo "fin de siècle" riesce a conciliare il rapporto forma-funzione, in entrambi i prospetti l’equilibrio tra pieni e vuoti è perfetto e certamente sarà stata facile la trasformazione degli ambienti interni in aule scolastiche funzionali.

Quarta sede (Via Alfieri)

E’ una costruzione a più piani, progettata originariamente ad uso civile abitazione, ed è certamente la sede più infelice, sotto ogni aspetto, che il Liceo abbia mai avuto nella sua lunga peregrinazione. Detto stabile ha ingresso da via Alfieri ed il prospetto, nonostante la costruzione risalga sicuramente agli anni settanta, è ancora incompleto.

 

 

 

 

 

Quinta sede (sede attuale) - Via Veneto

Dal 1992, il liceo “Leonardo” si trova in una struttura appositamente realizzata, alla fine di via Veneto.

 

 

 

 

 

 

 

 

Per poter ospitare il numero sempre crescente di alunni, questa struttura, pur grande, è risultata insufficiente, ed è stato necessario ricorrere a due strutture adiacenti, di cui una è un prefabbricato realizzato dalla Provincia Regionale di Catania entro il perimetro dell’Istituto.

Cerca

ALBO PRETORIO

ARCHIVIO

pon 2014-2020

 

 

Login



507761
Oggi
Ieri
Questa settimana
Scorsa settimana
Questo mese
Scorso mese
Sempre
1447
1642
6885
489117
34370
38059
507761

Il tuo IP: 54.80.227.189
Ora del server: 2017-11-22 22:12:46
Novembre 2017
DLMMGVS
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
Joomla templates by Joomlashine